Cassazione: lecito scaricare file protetti

Anche se c’è il copyright, si può scaricare lo stesso. Purché non si faccia a fini di lucro. Lo ha stabilito la III sezione penale Cassazione con una sentenza destinata a far discutere (è la numero 149/2007) con cui ha accolto il ricorso presentato da due studenti torinesi, condannati in appello ad una pena detentiva, sostituita da un’ammenda, per avere “duplicato abusivamente e distribuito” programmi illecitamente duplicati, giochi per psx, video cd e film, “immagazzinandoli” su un server del tipo Ftp (File transfer protocol) “dal quale potevano essere scaricati da utenti abilitati all’accesso tramite un codice identificativo e relativa password”.

Ad uno dei due la sentenza della Corte d’appello del capoluogo piemontese datata 29 marzo 2005 (ora annullata “senza rinvio” dalla Suprema Corte) imputava anche il possesso, presso la propria abitazione, di software destinato “a consentire o facilitare la rimozione dei dispositivi di protezione “facilitare la rimozione dei dispositivi di protezione applicati a programmi per pc. Di fatto, i due studenti, avvalendosi di un computer in funzione presso l’associazione studentesca del Politecnico di Torino, avevano creato, gestito e curato la manutenzione di un archivio on line di dati e programmi, raggiungibile da un normale indirizzo ip, dal quale una “community” di utenti era libera di attingere in cambio, a sua volta, del rilascio di materiale informatico.

Posted in Archivio by texilee at January 20th, 2007.

Leave a Reply